Home » Amministrativo » Adunanza Plenaria » Adunanza Plenaria, sentenza n. 34/2014: legittima la clausola che prevede l’escussione della cauzione anche nei confronti delle imprese non aggiudicatarie.

Adunanza Plenaria, sentenza n. 34/2014: legittima la clausola che prevede l’escussione della cauzione anche nei confronti delle imprese non aggiudicatarie.

L’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato con la sentenza num. 34 del 10 dicembre 2014, ha ritenuto legittima la clausola, contenuta in atti di indizione di procedure di affidamento di appalti pubblici, che preveda l’escussione della cauzione provvisoria anche nei confronti di imprese non risultate aggiudicatarie, ma solo concorrenti, in caso sia stata riscontrata l’assenza dei requisiti di carattere generale di cui all’art. 38 del codice dei contratti pubblici.

Gli operatori economici, con la domanda di partecipazione ad un bando di gara per un appalto pubblico, sottoscrivono e si impegnano ad osservare le regole della relativa procedura delle quali hanno piena contezza e l’escussione della cauzione provvisoria quindi, si profila come garanzia del rispetto dell’ampio patto di integrità cui si vincola chi vi partecipa.

L’escussione della predetta, costituisce conseguenza della violazione dell’obbligo di diligenza gravante sull’offerente.


Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *